Amato e Povia... al Teatro alle Stimate va in scena l'Omofobia

Il teatro “Le Stimate” e il “Popolo della famiglia”sono gli sponsor elettorali che sostengono Filippo Grigolini a sindaco di Verona. Il teatro “Le Stimate” e il “Popolo della famiglia” sono gli sponsor elettorali che sostengono Filippo Grigolini a sindaco di Verona. Il 23 Marzo 2017 in questo Teatro andrà in scena uno spettacolo già visto altre volte ma con l’aggiunta di una nota canterina. Povia, “noto” cantante per aver messo in musica la sigla delle terapie riparative, dopo il mancato successo, che rincorre ormai da anni, va in tour per promuovere il pensiero politico del “Popolo della Famiglia”. Chi si porta come spalla? Gianfranco Amato, noto esponente di un movimento in difesa della “famiglia naturale” che non ha prodotto il successo sperato. Si unisce a questo duetto anche la scuola alle Stimate, che già in passato ha concesso il teatro ad esponenti politici omo-transfobici.

"Noi condividiamo il pensiero di Amato e Gandolfini"...Comunicato PINK

Circolo Pink - Comunicato stampa

"Noi condividiamo il pensiero di Amato e Gandolfini".
La politica omo-transfobica che l'istituto scolastico Stimate sta portando avanti in vista delle prossime elezione comunali.
 
Questa mattina abbiamo preso il telefono in mano e abbiamo chiamato prima padre Bissoli, direttore del Teatro Stimate, e poi anche il preside delle Scuole alle Stimate di Verona, istituto cattolico paritario molto famoso in città.
La domanda che abbiamo posto a padre Bissoli riguardava la gestione del calendario del teatro mentre al preside abbiamo chiesto come mai una scuola dalla grande tradizione cattolica, con una mission improntata sul rispetto come le Stimate, dava spazio alle conferenze omofobe di Gandolfini, Amato e Povia.

Giovedì p.v. 23 marzo, al Teatro Stimate, ci saranno infatti Gianfranco Amato (Giuristi per la vita e co-fondatore del movimento politico del Popolo della Famiglia) e il cantante Povia mentre il 31 marzo, sempre nella stessa sala, parlerà Massimo Gandolfini. Conosciamo molto bene i personaggi e non c'è bisogno di presentazione: il portato discriminatorio che ogni volta esprimono nelle loro conferenze è sempre molto forte e alla base di gran parte del pensiero cosiddetto "NO-GENDER".

Trans. Storie di ragazze XY – Monica Romano a Verona

Il 18 Marzo 2017 Monica Romano (Web – Facebook) presenterà al Centro MILK LGBT Community Center (Web – Facebook) di Verona il suo libro Trans. Storie di ragazze XY (Web – Facebook), romanzo ispirato alla sua vita pubblicato nel 2015.
Esperta in amministrazione del personale impiegata in uno studio di consulenza del lavoro, si è laureata in Scienze Politiche nel 2007 con una tesi sulla discriminazione delle persone transgender nella società contemporanea. Nel 2008 ha pubblicato sul medesimo argomento il libro Diurna. La transessualità come oggetto di discriminazione (Web), ed il romanzo che presentiamo è il suo secondo libro.
Esponente di spicco del movimento trans milanese, di cui fa parte dal 1999, anticipiamo solo che dal 2013 facilita un gruppo di auto-mutuo-aiuto ed autocoscienza per le persone trans e di genere non conforme presso il Circolo Culturale TBGL Harvey Milk Milano (Web – Facebook), e che nel 2016 è stata candidata al Consiglio Comunale di Milano per la lista Sinistra x Milano (Web – Facebook).
Il libro verrà presentato da Raffaele Yona Ladu (Blog – Facebook) con questa scaletta:
Ore 12.00: Accoglienza;
Ore 12.30: Pranzo a buffet (si chiede un contributo minimo di 5,00 Euro);
Ore 14.30: Presentazione del libro;
Ore 18.00: Uscita.
Ricordiamo che per accedere al Milk Verona è necessaria la tessera ARCI e ARCIGAY
Per informazioni scrivere a lieviti@outlook.com o telefonare al +39.345.7153230

Drag pinKING: workshop di drag king - 1 Aprile 2017

Laboratorio esperienziale di Drag King aperto a tutt*… sono richieste ironia e favolosità!
Sabato 1 Aprile dalle ore 11:00 alle ore 18:00 / Circolo pink Verona, Via Cantarane 63 C

Drag pinKING: workshop di drag king

“You are born naked, the rest is drag”
ll drag king è una forma artistica nata nei palchi teatrali solitamente nella forma del cabaret, attraverso cui favolose donne (ma non solo) osano indossare i panni dell’Uomo, performandone gesti, sguardi, modi d’interagire e sogni – svelando quanto è sottile la linea fra maschile e femminile, biologico e culturale… realtà e performance.