DESIDERABILIA - Il Party del Desiderio

Segnaliamo con piacere un bellissimo ed importante evento nella nostra città.
DESIDERABILIA - Il Party del Desiderio 
Sabato 15 ottobre 2016

c/o Associazione Interzona a partire dalle 18.00 


Per conoscervi e farci conoscere vogliamo invitarvi a una serata di musica, performance, arte e socialità (ospitata da Interzona, Verona).

DesiderAbili è un gruppo eterogeneo di persone con e senza disabilità, nato da poco e con sede a Verona, impegnato a costruire spazi di riconoscimento e confronto per allargare le maglie di ciò che riteniamo affascinante e sessualmente attraente. Cominciamo allora con un party del desiderio, dove nuovi corpi e nuovi movimenti possano vivere insieme uno spazio accessibile di espressione.

Macho free zone: omolesbobitransfobia restano fuori! DesiderAbilia è uno spazio antisessista, antirazzista, antifascista. 


DesiderAbili raccoglie fondi per finanziare le sue attività: e ne abbiamo in mente di grandiose! Associazione Interzona Via Scuderlando, 4, 37135 Verona VR Mappa: https://goo.gl/maps/wYkCTLAvoGy

23 Settembre - Giornata dell'Orgoglio Bisessuale

La bandiera dell'orgoglio bisessuale nasce nel 1998 dal disegnatore Michael Page con l'intenzione di dare un simbolo alla comunità.
La bandiera è costituita da tre colori: in alto il rosa, che simboleggia l'orientamento omosessuale; in basso il blu, che rappresenta l'orientamento eterosessuale; in centro il viola, che rappresenta la combinazione dei colori. il 23 settembre, si celebra la Giornata Mondiale dell'Orgoglio Bisessuale.

In Italia non c'è mai stato un Pride rivolto alle persone bisessuali, ma in questi ultimi anni le persone bisessuali stanno prendendo sempre più consapevolezza e ottenendo visibilità sia nella società che all'interno della comunità LGBTQI . Seppur ancora poche, si stanno moltiplicando le iniziative e gli eventi per ricordare la giornata e l'esistenza delle persone bisessuali, ma anche polisessuali, pansessuali, biaffettive e poliaffettive. 


A Verona, Domenica 25 Settembre il BI-DAY sarà festeggiato con un'intera giornata con accoglienza, pranzo e incontro dibattito presso il MILK LGBTQI COMMUNITY CENTER.

:: Vedi Evento BI-FESTA 25 Settembre

Non abbiamo bisogno di Sentinelle



#NonAbbiamoBisognoDiSentinelle

Presidio presenza - Domenica 11 Settembre 2016 ore 15.30 Piazzetta Scalette Rubiani (p.zza Bra) - Verona
Domenica 11 settembre 2016 le Sentinelle in Piedi tornano a Verona, saranno in Piazza Bra dalle ore 16.00 alle 17.00. Le abbiamo viste già diverse volte manifestare la loro silenziosa “violenta” in città, siamo andate/i molte volte a manifestare la nostra contrarietà al loro messaggio omo-trasfobico. 
Per questo motivo alcune/i di noi sono state/i denunciate/i per Manifestazione non Autorizzata, il primo processo inizia il 3 ottobre.
Ma chi è questo gruppo di persone che vedete in piedi?
È una maschera che nasconde l’odio.

Luciano e Mauro, primi ad unirsi civilmente a Verona

Comunicato Stampa: PRIMA UNIONE CIVILE A VERONA. Arcigay Verona: “Shakespeare oggi scriverebbe di Mauro e Luciano, ma con il lieto fine”
UNIONI CIVILI - Dopo l’approvazione del DDL Cirinnà sulle unioni civili e convivenze, sabato 20 agosto Luciano Mazzucato e Mauro Bertoni celebreranno la prima unione omosessuale nel capoluogo scaligero.

Verona, 19 Agosto 2016 – Sabato 20 Agosto alle 18.00 presso la sala Araldi, Luciano Mazzucato e Mauro Bertoni saranno uniti civilmente secondo le disposizioni approvate dalla nuova legge Cirrinnà che regolamenta le unioni civili omosessuali. Alle coppie dello stesso sesso vengono riconosciuti i medesimi diritti delle coppie eterosessuali coniugate, esclusi i diritti relativi ai figli salvo le eccezioni consentite dalla legge sulle adozioni attualmente in vigore.

Sentinelle: Il Presidente del Circolo Pink andrà a processo per contromanifestazione

Il prossimo 3 ottobre ci sarà il processo per manifestazione non autorizzata al Presidente del Circolo Pink, Gianni Zardini e una multa di 2500 euro. Motivo? Aver organizzato una contro manifestazione al raduno omo-transfobico delle Sentinelle in Piedi. I fatti risalgono al 13 Aprile 2014, quando davanti a 200 sentinelle in piedi, schierate come da copione ad un metro e più di distanza l'una dall'altra per creare un voluto quanto inquietante effetto scenografico, si materializzavano circa un centinaio di attivisti ed attiviste ed attivisti delle associazioni LGBTI di Verona che si schierarono davanti gridando slogan e alzando cartelli e bandiere. Solo un cordone di polizia separava i due schieramenti l'uno dall'altro. La tensione fu alta ma non accadde nessun incidente. Obiettivo delle sentinelle era proprio quello di impedire che anche in Italia passi una legge contro l'omofobia, per continuare così a manifestare odio e ad incitare alla violenza contro le persone lgbtqi.

#sentinelledellodio

Alleghiamo articolo da gaypost.it

IN PIAZZA CONTRO LE SENTINELLE IN PIEDI, DENUNCIATO: AD OTTOBRE IL PROCESSO

La Cirinnà arriva a Verona

Arcigay Verona Pianeta Urano eFamiglie Arcobaleno
Vi invitano ad incontrare Monica Cirinnà

DIALOGO SULLE UNIONI CIVILI, FAMIGLIE OMOGENITORIALI E ADOZIONI con MONICA CIRINNA'

Venerdì 29 Luglio
presso il c/o il monumento Sanmicheliano
di Porta Palio Verona in Stradone Porta Palio - Verona

Dalle ore 17:45 alle ore 20:00


Introducono:
Elisa La Paglia Consigliera comunale PD Verona
Alessia Rotta  Deputata PD

Intervengono:
Monica Cirinnà Senatrice PD, Relatrice della Legge
sulle Unioni Civili e convivenze

Alex Cremonesi

Presidente Arcigay Verona

Lisa Perlini Referente Famiglie Arcobaleno per il Triveneto

Modera:
Sebastiano Ridolfi 
Speaker di Romeo in Love
Il primo radio podcast LGBT di Verona

"Genitori G.A.Y. - Good As You" - presentazione libro

L'Associazione Famiglie Arcobaleno Ti invita alla presentazione del libro "Genitori G.A.Y. - Good As You" di Sara Kay.Sarà l'occasione per parlare, qui a Verona, di genitorialità delle persone omosessuali con l'autrice, una coppia di mamme omogenitoriali, la psicologa Federica De Condova e l’avvocato Marco Fossato.
L'incontro sarà moderato da Lisa Perlini di Famiglie Arcobaleno.
Vi aspettiamo per ascoltare insieme a noi l'autrice del libro, i pareri degli esperti e la voce di due mamme, che parleranno della loro vita familiare.
Non mancate!
L'evento è organizzato da Associazione Famiglie Arcobaleno, in collaborazione con la libreria Libre.

La Biblioteca Oberon sostiene questo evento
Dalle ore 18:00
Presso Libreria Libre - Via Scrimiari 51/b - Verona

Verona per Orlando - Giovedì 16 Giugno - ore 21:30 Piazza Bra

Di fronte all’orrore per la strage che si è consumata nella discoteca Pulse di Orlando, nella notte tra l'11 e il 12 Giugno, la comunità LGBTQI e le associazioni veronesi si ritrovano in una fiaccolata ed invitano tutta la cittadinanza, per esprimere solidarietà e vicinanza alla comunità LGBTQI americana, ai familiari e alle persone vicine alle numerosissime vittime, colpite da questo attacco. Un folle gesto frutto di una retorica dell’odio che ad Orlando come in molte parti del mondo, uccide e ferisce ogni giorno. La comunità LGBTQI, le persone lesbiche, gay, bisessuali, transessuali, queer, intersessuali sembrano destinatari privilegiati di queste manifestazioni d’odio e violenza. Tutto ciò tuttavia non può indebolirci o spingerci a un compromesso su chi siamo, sulla nostra identità, sull’esercitare la nostra fondamentale libertà, di essere e di amare, o spingerci, dall’altra parte, alle divisioni e all’odio verso intere comunità con le quali condividiamo la lotta ad ogni forma di discriminazione. La nostra è una comunità che da decenni usa la visibilità per contrastare l’odio, un percorso prezioso e importante su cui non faremo mai nessun passo indietro.

Vi aspettiamo Giovedì 16 Giugno, alle ore 21:30 in Piazza Bra. Portate candele, fiori, messaggi, cartelli, bandiere.

NO a GANDOLFINI che torna a Verona

MASSIMO GANDOLFINI TORNA A VERONA.
Sarà al teatro alle Stimate venerdì 10 giugno alle 20.45. Ma stavolta non è per difendere il potere supremo della famiglia naturale, apparentemente, ma per schierarsi con le ragioni del NO al prossimo referendum sulla Costituzione Italiana. Al suo fianco l’ormai solito elenco di gruppi e associazioni “cattoliche” schierati in difesa di un modello familista, patriarcale e sessista che ormai ha mostrato tutte le sue “debolezze” e violenze.
Come mai che Gandolfini viene a Verona con una conferenza non a tema “teoria del gender” ? Che sia la sua discesa in politica? E' di sicuro uno sconfinamento molto vicino alla campagna elettorale che sta facendo Adinolfi e tutti i movimenti di estrema destra scesi in politica per le prossime elezioni amministrative. I legami fra integralismo cattolico, movimenti no-gender, estrema destra, gerarchia cattolica e partiti al potere sono ben noti, nessuna novità. Probabilmente l'approvazione della legge sulle unioni civili, che non soddisfa nessuno tanto meno le persone gay lesbiche e trans, ha fatto capire a tutti questi "signori" che forse qualcosa si è mosso nella direzione che loro non gradiscono, hanno fatto le loro pressioni, hanno ottenuto che si approvasse una legge che sancisce che le persone omosessuali e transessuali sono cittadin* di serie B, ma in ogni caso è stata approvata, cosa che loro non si sarebbero mai aspettati.
Verona è sempre una buona piazza per Gandolfini, per chi non lo conoscesse consigliamo di leggere questo articolo:http://comitatagiordanabruna.blogspot.it/…/una-serata-con-m…
A ridosso del 25 Aprile Gandolfini era stato ospite del Liceo Maffei di Verona, qui ha tenuto un incontro a tema eutanasia dal titolo “Valori e diritti ai confini della vita umana”. Ma prima ancora 11 marzo, era stato alla Sala dei Mutilati per uno dei suoi soliti incontri sulla “teoria del gender” incontro dai contenuti penosi e con le forze dell’ordine a difenderlo da possibili contestazioni, forze dell’ordine che ormai accompagnano ogni loro incontro.

Verona contro l'Omofobia in Piazza il 14 Maggio

Omofobìa:
/omofoˈbia/ 
Sostantivo, 
singolare, 
irrazionale.
Presidio 
Sabato 14 Maggio 2016 
Piazzetta Scalette Rubiani 
Piazza Bra - Verona 
Ore 17:30 

In occasione della giornata internazionale contro l’omo-bi-transfobia le associazioni e i cittadini e cittadine veronesi manifestano ancora una volta per il rispetto delle diversità, il riconoscimento di diritti e di tutt* le identità e soggettività. Nei mesi scorsi abbiamo ascoltato ogni genere di insulto omofobo durante il dibattito che ha accompagnato la discussione della legge sulle unioni civili in parlamento e abbiamo ascoltato e subito le falsità della inesistente “teorie del gender” e l’esaltazione della famiglia “naturale”.

RELIGIONE E OMOAFFETTIVITA' - sabato 16 maggio 2016, ore 17.00, Sala Brunelleschi


Sabato 16 aprile
  
  h 17:00
RELIGIONE ED OMOAFFETTIVITÀ
Un percorso di liberazione teologica
@Sala Civica (via Filippo Brunelleschi, 12 - 37138 Verona)

Ma cos'è questo gender? - Incontro a Bussolengo - Martedì 19 Aprile

Ma cos'è questo gender?

Martedì 19 aprile alle ore 20:30
La Consulta per le Pari Opportunità del Comune di Bussolengo organizza - in collaborazione con Isolina e...- una conferenza pubblica informativa sul tema del 'gender'. 
Di 'Ideologia del gender' si sente molto parlare...l'obiettivo che ci proponiamo, grazie al valido contributo dei relatori, è quello di fare chiarezza, ma soprattutto di darci la possibilità di fare i primi passi, nella costruzione di una coscienza propria ed indipendente relativamente a questa tematica.

Interverranno: Maria Geneth, ginecologa e sessuologa, Cristina Martini, ricercatrice di ProsMedia, Paolo Azzolini, psicologo e psicoterapeuta. Introduce e modera Laura Sebastio.
Largo spazio sarà lasciato al dibattito.
Sala civica presso Biblioteca Luigi Motta - Piazzale Vittorio Veneto 101 Bussolengo
Con il Patrocinio del Comune di Bussolengo

Le scarpe della memoria. - Lunedì 25 Aprile 2016 - Piazza Bra - Verona

Lunedi 25 Aprile 2016, Piazza Bra Verona – ore 18.30

Le scarpe della memoria.

Le scarpe raccontano tante storie a volte belle ma spesso molto tristi e tragiche. Una catasta di scarpe ci ricorda solo una cosa, la tragica fine di chi le indossava.

Lunedi in Piazza Bra racconteremo le tante storie di queste persone che non ci son più ma che hanno lasciato nella nostra memoria un ricordo indelebile.
Portate anche le vostre vecchie scarpe il 25 aprile in occasione del 71° dalla liberazione dal nazi-fascismo.

Ven 6 Maggio - Il fumetto GLBT al Circolo Pink di Verona.


Invasione RENBOOKS!
Il fumetto GLBT al Circolo Pink di Verona.


Via Cantarane 63 C, 27129 Verona
Venerdì 6 Maggio 2016
Presentazione con aperitivo dalle ore 19.00 
Con l'accompagnamento acustico di: Mirage Acoustic Trio
Gli autori saranno presenti all'evento.

Renbooks sbarca in forze da Pink con tre dei suoi titoli più giovani e frizzanti: Lui e L'orso, Karmapolis e Up All Night.
Venite a incontrare gli autori, a reclamare la vostra dedica, a scoprire i segreti, curiosità e retroscena sulle tre uscite più originali e scoppiettanti della casa editrice bolognese. A contorno delle presentazioni e degli incontri con disegnatori e scrittori, la mostra delle tavole originali e delle illustrazioni, allestita nei locali di Pink.
Ad accompagnare un menu già molto ricco, i ragazzi di Mirage Acoustic Trio offriranno un aperitivo musicale con canzoni pop rock in salsa acustica, con una scaletta tratta dagli stessi albi che saranno introdotti nella serata.

"MOVIMENTI LGBT: una storia politica" - mercoledì 20 aprile alla Coopera di Arbizzano

Nuova serata d'incontro a tema presso LA COOPERA 1945 ad Arbizzano (VR). Tema dell'incontro
"MOVIMENTI LGBT: una storia politica" 
Mercoledì 20 aprile 20:30 - Intervengono MASSIMO PREARO - dell'Università degli Studi di Verona e ZENO MENEGAZZI, attivista di Arcigay Verona.
Con il Patrocinio del Comune di Negrar (VR).
Una serata d'incontro in un luogo accogliente, dove è possibile degustare buon vino e cibo. La COOPERA 1945 si trova in Via Stella, 40 ad Arbizzano (VR) - Tel. 045 6020508.

Sposati e sii sottomessa? Diritti delle donne e “ideologia gender” - Incontro 1 Marzo 2016

Sposati e sii sottomessa?
Diritti delle donne e “ideologia gender”

DIBATTITO PUBBLICO
1 marzo 2016 - 20.30
Sala civica Elisabetta Lodi
Via San Giovanni in Valle, 13/B - Verona


In Italia, le donne hanno combattuto per acquisire diritti, autodeterminazione, libertà: il diritto ad abortire gratuitamente e in sicurezza, la possibilità di scegliere se e come avere una
gravidanza, la libertà di amare un uomo o una donna, fare una famiglia o pensare alla carriera.
Conquiste importanti, ma continuamente, e oggi più che mai, minacciate. I movimenti integralisti cattolici da anni hanno posto sotto attacco quelle libertà per tornare a una morale che non prevede di fferenti scelte, ma l’esclusivo ruolo di madre e moglie amorevole e accudente per tutte.
Ma non sono solo le scelte delle donne a essere minacciate: lo sono anche i corpi di quelle che non vogliono adeguarsi ai compiti che qualcun altro ha scelto per loro. E troppo spesso, le famiglie diventano delle gabbie in cui si consuma una violenza omicida.
Che posto ha la violenza contro le donne nella nostra società? In Italia si può ancora abortire?
Utero in affi tto, maternità surrogata, gestazione per altri: di cosa stiamo parlando?
E cosa c’entra tutto questo con “l’ideologia gender”?

La Comitata Giordana Bruna apre la discussione su questi temi,
e invita la cittadinanza a un dibattito pubblico.

INTERVERRANNO:

Cristina Martini, ricercatrice e media educator di ProsMedia:
Violenza di genere: come gli stereotipi di uso nei media modi ficano la percezione della realtà

Valeria Mercandino, dottoranda in filosofia e attivista
Sull’elogio della sottomissione: chi ha paura della libertà delle donne?

Maria Geneth, ginecologa e sessuologa

Vita e salute delle donne: diritti e rovesci

Serena Marchi, giornalista

Madri, comunque: maternità e gestazione per altri ai tempi del gender

Introduce e modera Laura Sebastio, attivista e counselor

Sabato 5 marzo - Roma la manifestazione nazionale

Sabato 5 marzo si terra' a Roma la manifestazione nazionale 

ORA BASTA! Ora diritti alla meta!


Le associazioni LGBT di Vicenza e Verona propongono viaggio di andata e ritorno in autobus per la Capitale a prezzo competitivo.

Partenza da Vicenza alle ore 6:45
al casello austradale di Vicenza Ovest.

 Partenza da Verona alle 7:30 dal casello Verona Sud.

PER INFO ED ISCRIZIONI CONTATTARE:
info@arcigayvicenza.it 
presidentearcigayverona@gmail.com
-------------------------------------

DDL Cirinnà, dopo l'approvazione al Senato - incontro al MILK

Dopo l'approvazione del DDL Cirinnà con il Maxi emendamento che ha stralciato la #stepchildadoption, il movimento e la comunità LGBTI discutono e si dividono fra "tutto sommato soddisfatti" e completamente "delusi". Oggi avremo modo di confrontarci.


Il Gruppo Giovani LGBTQI di Verona
Invita ad un incontro dal titolo:

DDL CIRINNA'
Conosciamolo bene
Sabato 27 Febbraio 2016
ore 16

Ne parliamo con:
GIORGIO DESTO
Dottore di ricerca

ELISA LA PAGLIA
Consigliera Comunale PD di Verona

Conduce l'incontro
VLADIMIR CORSI
Resp. Gruppo giovani lgbtqi di Verona
Alle ore 16 presso il
MILK LGBTQI CENTER VERONA
Via Antonio Nichesola, 9 - Verona (San Michele Extra)


Evento aperto a tutt*

Info: 

GENDER: Due incontri Verona da non perdere

Continua nella nostra città un dibattito che negli ultimi tempi sembra essere un pò meno di moda, IL GENDER , visto che l'attenzione nazionale si è spostata sul Disegno di Legge "Cirinnà" sulle Unioni Civili in discussione al Senato in questi giorni e vero obiettivo dei movimenti "No Gender" e anti Lgbt. Che cos'è veramente il Gender? Non certo quella cosa che distruggerà la nostra società minando l'incolumità psicofisica dei minori e dell famiglie. Lo faranno in modo corretto in due incontri che ci saranno a Verona:

VENERDI' 5 FEBBRAIO 2016

Alla Sala Elisabetta Lodi - nel quartiere di San Giovanni in Valle a Verona
dal titolo: IL GENDER SPIEGATO BENE

:: vedi i dettagli

 VENERDI' 12 FEBBRAIO 2016
Alla Società Letteraria - Piazzetta di Scalette Rubiani, 1

incontro con la famosa MICHELA MARZANO che presenterà
il suo libro PAPA', MAMMA e GENDER con relativo dibattito

con ospiti.
:: vedi i dettagli



PAPA', MAMMA e GENDER - Michela Marzano a Verona

Michela Marzano
Presenta il suo libro
PAPA', MAMMA e GENDER
“L’amore non ha né sesso né genere”

Uomini e donne si nasce o si diventa?

E giusto che nelle scuole si parli di sesso, 
identità di genere e orientamento sessuale? 

Esiste un’ideologia gender?

Michela Marzano: Professoressa ordinaria di filosofia morale all’Universitè Paris Descartes, oltre ad avere pubblicato diversi libri, tra cui Volevo essere una farfalla e L’amore è tutto: è tutto ciò che so dell’amore, dirige una collana di saggi filosofici per le edizioni PUF e collabora con Repubblica e Vanity Fair.

Venerdì 12 Febbraio 2016
Ore 17:45 - 20:00
Società Letteraria Verona
Piazzetta Scalette Rubiani 1

Intervengono

MARIA GENETH
Il Filo d'Arianna
Ass.ne Culturale Femminista a Verona

ALEX CREMONESI
Arcigay Verona Pianeta Urano

Modera

ELISA LA PAGLIA
-

Il GENDER spiegato bene

Il GENDER spiegato bene

Verona, Sala Civica Elisabetta Lodi 
(Via S. Giovanni in Valle, 13/b 37129 Verona),
 05 febbraio 2016
 20:30 - 22:30. 

La tematica Gender è un argomento necessario da trattare in questo periodo, vista la disinformazione divulgata dopo l'approvazione della legge 107 e in particolare dell'art. che fa riferimento all'educazione al rispetto delle pari opportunità. Nel territorio Veneto, più che in altre regioni, si sta operando una campagna di diffusione del terrore su quanto verrà insegnato a scuola facendo una grande confusione tra teorie del genere, sessualità, scelta di genere e gender. Per questo, solo attraverso la conoscenza degli studi di genere è possibile trovare una conciliazione tra genitori e istruzione.


La composizione dei relatori e delle relatrici del convegno è la seguente: Lorenzo Bernini (ricercatore di Filosofia politica dell'Università di Verona), Massimo Prearo (ricercatore Università di Verona), Laura Sebastio (attivista e counselor). I tre scientifici apporteranno il contributo maggiormente tecnico con una relazione ciascuno di circa 20'. Poi avremo delle brevi testimonianze di Camilla Seibezzi (attivista per i diritti civili ed ex consigliera comunale Venezia), la quale è diventata famosa alle cronache per lo "scandalo della favole gay", Si aggiungono Simonetta Tregnago (Presidentessa Commissione Regione Veneto Pari Opportunità) e Orietta Vanin (Assessora alle politiche educative di Mira), la quale farà da moderatrice. Questo Comune, governato dal Movimento cinque stelle, ha aperto recentemente uno sportello per l'accoglienza alle donne che hanno subito violenza e il giorno seguente (06 febbraio) organizzerà un incontro informativo sulle teorie Gender.

Vai all'evento su Facebook

Anche Verona si è SVEGLIATA!

#Svegliaverona - 23.1.2016 in Piazza Bra
Alle 15.33 in Bra un "coro" di sveglie per i diritti dei gay
Centinaia di sveglie e di suonerie di telefonini suonano all’unisono alle 15,33. È il momento clou della manifestazione #SvegliatiItalia svoltasi ieri in piazza Bra. Promossa dalle associazioni Lgbt (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit) nelle principali città italiane a sostegno del ddl Cirinnà sulle unioni civili sul quale, il 28 gennaio, inizierà la discussione in Senato. A partire dalle 15, davanti a Palazzo Barbieri si radunano alcune centinaia di persone. «Con questa legge chiediamo il minimo sindacale dei diritti» si sente gridare al megafono. A condurre la regia è Andrea Di Martino, ex presidente del Verona Pride. Uno dei partecipanti regge un cartello con una frase di Hegel che sintetizza lo spirito dell’iniziativa. «Possiamo essere liberi solo se siamo liberi tutti».
«Chiediamo al Parlamento», spiegano i promotori, «di fare in modo che non ci siano più discriminazioni e di approvare leggi che riconoscano la piena dignità e i pieni diritti alle persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali, cittadini e cittadine di questo Paese»


Leggi: L'Arena 24.1.2016

Giornata della Memoria: il Circolo Pink al Liceo Maffei

Novello Paglianti e Giovanni Zardini del Circolo Pink di Verona saranno, mercoledì 27 gennaio 2016 Giorno della ‪#‎Memoria‬, al Liceo ‪#‎Scipione‬‪#‎Maffei‬ di Verona per parlare della persecuzione degli omosessuali durante il fascismo e il nazismo.
La percezione del diverso è cosi cambiata da quando gli ‪#‎omosessuali‬ morivano nei campi di concentramento ‪#‎nazisti‬?
Di questo parleremo con le studentesse e gli studenti del  Liceo Scipione Maffei di Verona.
‪#‎omofobia‬ ‪#‎giornodellamemoria‬ ‪#‎diversità‬

#SVEGLIATITALIA

#SVEGLIATITALIA

Noi continueremo a lottare per il matrimonio egualitario perché in Italia ci sono persone che hanno meno diritti di altri. È arrivato il momento di cominciare a colmare questa ingiustizia. L’ approvazione del DDL Cirinnà riguarda anche voi. 

Cosa è il DDL Cirinnà?

 Una proposta di legge per regolare le unioni civili di coppie dello stesso sesso e disciplinare le convivenze per le coppie eterosessuali che non si vogliono sposare. Comporterebbe: - la possibilità anche per le persone omosessuali di vedere la propria unione riconosciuta per legge, ma non significa potersi sposare. - la stepchild adoption, ma non l’adozione di bambini e bambine abbandonati. 

Che cosa è la stepchild adoption? 

 Letteralmente “adozione del figlio del partner”. Nell’ordinamento italiano esiste già la possibilità di adottare il figlio o la figlia biologica del proprio partner. Con il DDL Cirinnà diventerebbe possibile anche per le coppie omosessuali. La step child adoption, quindi, permette semplicemente di legalizzare una situazione già esistente dando tutele ai minori e doveri agli adulti. 

Perché la stepchild adoption è importante per i nostri figli? 

I nostri figli e figlie per legge hanno un solo genitore, ma sono nati dal progetto d’amore di due persone. Grazie alla stepchild adoption, questi bambini e bambine avranno due genitori anche davanti alla legge. Questo significa tutela della loro stabilità materiale (possibilità di ereditare da entrambi i genitori e di essere mantenuti da entrambi anche in caso di separazione), tutela della loro stabilità affettiva (in caso di separazione garanzia di poter mantenere il rapporto, in caso di morte del genitore biologico evitare il rischio di essere dati in adozione a terzi), benessere emotivo e complessivo nel veder riconosciuta la propria famiglia. 

Perchè la parità di diritti è importante anche per le persone omosessuali? 

Provate a immaginare di amare qualcuno, costruire una vita con lui/lei ma essere invisibili, inesistenti per lo stato, le scuole, gli ospedali, la burocrazia. Amiamo, ci ammaliamo, moriamo come tutti gli altri. Chiediamo solamente di avere gli stessi diritti e doveri che lo Stato garantisce ai cittadini eterosessuali

 Perché tutto questo riguarda anche te? 

Perché è una battaglia per i diritti umani, una battaglia di civiltà. E perché tutti i bambini e bambine meritano un futuro sereno.

LE ISTIGATRICI DELLA FAMIGLIA "NATURALE" - Circolo Pink

Circolo pink Verona - Comunicato stampa
LE  ISTIGATRICI DELLA FAMIGLIA "NATURALE"

Domenica 24 gennaio alle 17.00 circa tornano in piazza Bra, con il loro “violento” silenzio, le Sentinelle in piedi. Diamo gli orari per chi volesse andare a fischiarle.

Non a caso le difensore della “famiglia naturale” hanno scelto il 23 e il 24 per manifestare in una quarantina di piazze italiane. Il 23 gennaio infatti in tantissime città si svolgeranno iniziative a favore dell'approvazione della legge sulle unioni civili, l'ormai famoso ddl Cirinnà: ecco il motivo della levata di scudi del movimento integralista delle Sentinelle. Ma non ci saranno solo loro a manifestare contro il diritto di cittadini e cittadine ad usufruire di una legge sulle unioni civili: il 30 a Roma ci sarà l’ennesimo Family Day, con la benedizione di papa Bergoglio, che da una parte si cosparge il capo di cenere e si chiede chi è lui per giudicare una persona omosessuale, dall’altra sostiene la linea più integralista della sua curia, quella di Bagnasco, appoggiando  il Family Day. Chi è stato alla precedente edizione lo descrive come una piazza assolutamente priva di significato, con zero contenuti, molte persone portate solo per riempire la piazza senza sapere per cosa si manifestava, pecoroni che servono alla gerarchia vaticana per giustificare l'ingerenza nello stato laico. 

#SVEGLIATITALIA Elenco di tutte le manifestazioni in Italia e all'estero

#SVEGLIATITALIA, ecco l'elenco di tutte le manifestazioni in Italia e all'estero. Il 23 Gennaio scendi in piazza per i tuoi diritti!

#SVEGLIATITALIA 23 Gennaio anche a Verona

Fai il primo passo verso l’uguaglianza.

Il 23 gennaio molte piazze italiane si mobiliteranno per dire che noi tutti vogliamo un'Italia libera dalle discriminazioni, in cui tutti i cittadini e le cittadine abbiano gli stessi diritti, tra cui il diritto di vedere riconosciuta la propria famiglia come tale! 

Anche a VERONA faremo la nostra parte!
Tutte/i in Piazza Bra, a partire dalle 15,00!

ADESIONI di ASSOCIAZIONI, GRUPPI, ISTITUZIONI possono essere inviate alla mail:info@arcigayverona.org


Non una ma tante #SVEGLIATITALIA piazze in tutta Italia per dare forza al traguardo dell'uguaglianza: in vista della discussione al Senato del ddl sulle unioni civili, le associazioni lgbt (Arcigay, ArciLesbica, Agedo, Famiglie Arcobaleno, Mit) si preparano a mettere in campo una mobilitazione capillare nelle principali piazze del Paese. Inoltre, nei giorni caldi della discussione a Palazzo Madama, cioè dal prossimo 26 gennaio, è previsto un presidio in piazza delle Cinque Lune, nei pressi del Senato, per testimoniare l'attenzione e l'apprensione per il dibattito in corso. "Non rispondiamo alla provocazione di chi in queste ore cerca di organizzare il solito schema delle piazze contrapposte: noi ci rivolgiamo al Paese intero", mettono in chiaro i portavoce delle associazioni. "Abbiamo individuato il prossimo 23 gennaio come giornata di mobilitazione nazionale: stiamo lavorando sui territori, coinvolgendo sia le forze della società civile sia il mondo associativo delle realtà lgbt, per costruire le reti necessarie per far esprimere a gran voce la domanda di diritti e di uguaglianza che in questo Paese da troppo tempo rimane inascoltata. Non parleremo di una legge, bensì di un valore, cioè dell'uguaglianza di tutti e tutte, e del diritto di vivere in uno Stato laico. Staremo assieme alle famiglie, a tutte le famiglie. Assieme alle persone".